Compilare wine


Installiamo le dipendenze… se qualcosa manca, fatemelo notare!

su

yum install flex bison gcc gcc-c++

COMPILAZIONE & INSTALLAZIONE

Usciamo dall’utente root:

exit

scarichiamo e scompattiamo (ovviamente cambiate le x con il numero di versione)

wget http://switch.dl.sourceforge.net/sourceforge/wine/wine-0.x.xx.tar.bz2

tar xvjf wine-0.x.xx.tar.bz2

cd wine-0.x.xx

Configuriamo la compilazione

./configure

Compiliamo (se avete un dual core o quad core, aumentate magari a 6 il valore dopo -j… se avete un single potete lasciarlo così oppure rimuovere -j2)

make depend && make -j2

autentichiamoci come root ed installiamo

su

make install

Finito! Wine installato ;)

Fedora 9… si chiamerà SULPHUR


E’ stato finalmente annunciato il nome in codice di Fedora 9 😀 si chiamerà SULPHUR 😀

Scelgono sempre nomi aggressivi 😀 dopo WEREWOLF ecco uno altrettanto cattivo 😀

Lo sviluppo sta andando avanti e pure alla grande 😀 da notizie che circolano, stanno tentando anche di inserire Upstart al posto di init, per avere un boot più rapido (ma a me già va benissimo adesso)

Ne vedremo delle belle 😀

Pollycoke e Divilinux scappano… WordPress aumenta lo spazio fino a 3 GB :-D


Post un pò ironico… ma ci sta tutto…

Tra le motivazioni della fuga di Pollycoke e Divilinux, c’è quella dello spazio.. effettivamente non basta mai. Spesso ho dovuto ridimensionare le immagini, per evitare di finire lo spazio troppo presto… Continua a leggere

italia.it … 45 milioni buttati nel cesso ed in SILENZIO. E con tanto di catena tirata.


Ne avevo parlato poco tempo fa… F. Rutelli dopo aver inaugurato l’ennesimo spreco all’italiana (45 Milioni di euro) ha in silenzio (ne avete sentito parlare? IO NO) chiuso il tanto discusso e costoso portale: ITALIA.IT

Continua a leggere

Mettiamo il turbo ai dischi: XFS


Non stimo molto ext3.. sarà perchè mi è capitato spesso di perdere dati importanti (stessa cosa con NTFS)…… e’ principalmente questo il motivo per cui ho quasi tutto il sistema in XFS….

turbo

Ma veniamo a noi…

Una cosa che adoro di xfs sono i suoi strumenti di mantenimento e la velocità nel gestire il mio disco… per fortuna ormai non è più necessario configurarlo manualmente durante la formattazione… però vi consiglio caldamente di NON formattarlo da GPARTED… sarà un caso, ma formattandolo con esso ho avuto problemi di frammentazione e di errori qua e là…. formattandolo con mkfs da riga di comando, si autoconfigura in modo davvero ottimale.

Cos’è XFS?

Potete approfondire parecchio su Wikipedia, a questa voce: QUI

In sostanza è un filesystem molto maturo, sviluppato da SGI per i server IRIX, è di tipo journaled, molto scalabile e performante.

Il suo unico difetto che ho riscontrato è l’impossibilità di “comprimere” la partizione una volta creata… invece non c’è nessun problema ad espanderla. Questo è dovuto alla sua particolare struttura ad “extent”…. solitamente i filesystem usano i blocchi…… gli extent sono un pò come delle mini partizioni che suddividono lo spazio.

Come Formattare in XFS?

Attenzione: evitate di proseguire nella lettura se siete novizi. Questa guida è da ritenersi per utenti smaliziati o comunque che già conoscono abbastanza bene il sistema GNU/Linux.

Formattare è sempre una operazione MOLTO delicata e dovete SEMPRE fare un backup visto che i dati vengono cancellati.

Innanzitutto per formattare un sistema in XFS è sufficiente essere autenticati come utenti root:

su –

bisogna smontare dal sistema il disco da formattare (ricordatevi ovviamente di copiare i documenti contenuti in esso su altro disco…) ovviamente hdXX da sostituire con il vero indirizzo assegnato dal sistema…

umount /dev/hdX

mkfs.xfs /dev/hdXX

o nel caso di dischi sata/scsi

mkfs.xfs /dev/sdXX

In caso che si rifiuta di formattare, basta aggiungere -f per forzare…

mkfs.xfs -f /dev/hdXX

DEFRAMMENTAZIONE

Questo filesystem cerca di mantenere il più organizzato possibile il disco… ma potrebbe capitare il formarsi di un pò di frammentazione… A differenza di ext3 che non ha tool “ufficiali” e supportati per deframmentare senza problemi (bisogna ricorrere ad un downgrade ad ext2) Xfs ha un pacchetto di utilità per mantenerlo e amministrarlo: xfsdump (c’è in tutte le maggiori distribuzioni) .

Grazie ad esso potrete CONTROLLARE il livello di frammentazione ed eventualmente DEFRAMMENTARE il disco MENTRE E’ IN USO (FANTASTICO PER CHI HA LA ROOT IN XFS..come nel mio caso)

Per controllare lo stato di frammentazione, basta fare (sempre autenticati come root… ):

su –

xfs_db -r /dev/hdXX

apparirà: xfs_db>

frag

Vi dirà il livello di frammentazione, con tanto di percentuale…

se il valore è particolarmente alto, potete deframmentare…

intanto uscite da xfs_db>

quit

e poi digitate:

xfs_fsr -v /dev/hdXX

Partirà la deframmentazione D

Grazie ad XFSDUMP abbiamo altri comandi molto utili:

  • xfs_check Per controllare se ci sono eventuali errori sul disco
  • xfs_copy Per clonare il disco
  • xfs_growfs Per espandere la partizione
  • xfs_repair Per riparare la partizione

Ovviamente ad esempio per controllare il disco, basta dare:

xfs_check /dev/hdXX

per growfs e copy, la cosa è un pò più complicata e vi consiglio di dare una occhiata al manuale ;)

Un pò di tweaking non guasta mai:

Per aumentare le prestazioni, possiamo cambiare il nostro fstab passando questi comandi:

noatime,nodiratime,logbufs=8

al posto ovviamente di “defaults”..

in generale non ci sono controindicazioni ad usare queste opzioni.. l’unico problema potrebbero essere i buffer.. con dei spegnimenti errati ho avuto corruzioni di alcuni file di configurazione.. ma è un caso isolato.

esempio:

/dev/hdXX /media/disco xfs noatime,nodiratime,logbufs=8 1 2

noatime: evita che venga scritta DURANTE LA LETTURA la data di creazione/modifica dei files… cosa MOLTO inutile visto che stiamo SOLO LEGGENDO! D nelle operazioni di scrittura ovviamente questo sarà fatto )

nodiratime, è lo stesso discorso di noatime applicato alle cartelle.

logbufs semplicemente sono il numero di buffer da utilizzare.

Per ora è tutto… In attesa dell’arrivo di ZFS, per me XFS rimane il miglior compromesso tra prestazioni e affidabilità.

ps: a differenza di ext3 consuma meno spazio… in quanto non crea quel famoso 5 % di spazio riservato a root.

[UPDATED] JACS 0.1.1 :D Il mio cron script per aggiornare amule, amsn e emesene!


Vorrei condividere con voi uno scriptino che ho fatto per evitare ogni santa volta di dovermi ricompilare manualmente amsn, amule e scaricare emesene.

jacs

L’ho chiamato JACS….. Just A Cron Script

Rilasciato sotto GPLv3 or later

per adesso è molto giovane… spero di portarlo avanti rendendolo più facile da installare e configurare..

In ogni caso è compatibile con le maggiori distribuzioni… siete quindi liberi di usarlo anche sulle derivate debian , ecc ecc…

Requisiti:


Cosa fa:

  • Scarica l’svn di emesene, eliminando la precedente (il tutto in /opt)
  • Aggiorna aMule CVS con l’ultima versione disponibile (se non disponibile quella del giorno, prende quella del giorno precedente)
  • Aggiorna aMsn con l’ultima SVN disponibile

Cosa non fa:

  • Per adesso non risolve da solo le dipendenze.. per questo dovete aver eseguito almeno una volta le mie guide
  • Per emesene non crea la voce del menu necessaria ad avviarlo.. ma qua vi spiegherò come ovviare al problema
  • Il caffè

Come installare:

Dopo aver soddisfatto i requisiti, potete passare alla “installazione” vera e propria…

wget http://piuemeno.netsons.org/materiale/JACS.sh

su

cp JACS.sh /opt

echo '00 4 * * * root sh /opt/JACS.sh' >> /etc/crontab

IN ROSSO: ORA IN CUI ESEGUIRE LO SCRIPT

BLU: MINUTI IN CUI ESEGUIRE LO SCRIPT

Quindi in questo caso lo script partirà alle 4:00 di mattina D

DUBBI E SOLUZIONI

Per emesene vi consiglio di crearvi una voce di menu per lanciarlo.. su gnome cliccate con il tasto destro su Applicazioni, scegliete Modifica Menu, cliccate su INTERNET e premete: Nuova Voce.

Come nome mettete quello che vi pare… io ho messo emesene

Come comando mettete: python /opt/emesene/Controller.py

—————————————-

Se non volete installare emesene o non vi interessa per esempio amsn, basta eliminare dallo script il blocco che non vi interessa!

ad esempio per eliminare emesene basta che tagliate da:

############################# emesene #################################

fino alla riga che c’è prima del blocco di amule )

——————————————-

Lo script è configurato in modo da consumare meno risorse possibili e di non disturbare troppo durante la notte… i vari comandi gireranno con priorità “bassa”… così da lasciare in risparmio energetico il vostro processore. Per lo stesso motivo ho lasciato solo un thread di compilazione, perchè magari volete lanciarlo di giorno e vi scoccia che vi occupa (se avete un dual core) entrambi i core.

——————————————

Ovviamente accetto eventuali consigli su come migliorare lo script….

Vorrei affiancarlo ad uno script per installare tutto il necessario senza seguire le guide, ma la cosa è macchinosa e richiede tempo… vedremo prossimamente cosa posso fare ) Una priorità è rendere facile l’installazione e scelta di cosa eseguire… ma magari alla prossima versione vi saprò dire!

E’ tutto!

Habemus KDE 4 :-) in FEDORA rawhide ovviamente


Arrivo un pò in ritardo con questa notizia…dato che è vecchia di 5 giorni 😀 Sono stato un pò indaffarato con wince…. 😀

kde4

Ma veniamo al dunque.. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: