A.A.A. Libertà…CERCASI


Due parole..DIGG…IT… non so se ne avete mai sentito parlare..

Sicuramente NON in uno dei nostri TG Italiani, troppo impegnati a raccontarci se il principino William preferisce lo zucchero di canna o di barbabietola nel thè.

Ebbene si.. il popolo di Internet questa volta ha deciso di non farsi opprimere come successo svariate volte in questi anni, ma di lottare. Torniamo un attimo indietro..

Digg è un sito web MOLTO particolare. Un vero e proprio esempio di testata giornalistica democratica. Le notizie sono proposte dagli utenti, e sono poi promosse in prima pagina in base ad un sistema di graduatoria non gerarchico e basato sulla valutazione della comunità.

In questi giorni questo STUPENDO sistema è stato attaccato dalle lobby (queste molto meno interessate al principino William) in quanto “AVREBBE” violato il diritto d’autore pubblicando dei collegamenti a pagine web contenenti una chiave di cifratura di un HD-DVD. Un hacker infatti è riuscito a scardinare la protezione di un film cifrato su tale nuovo supporto e, come sempre succede in questi casi, la chiave ha fatto il giro del globo in pochi istanti.

In un primo momento l’amministratore di Digg ha rimosso tutti i collegamenti ed articoli contenenti la chiave di cifratura, rispettando la volontà delle lobby in questione.. ma gli utenti (che per fortuna non fanno parte della generazione assuefatta da Uomini & Donne) vedendo calpestata la loro libertà, in poche ore hanno inondato la rete e Digg della suddetta chiave (la trovate persino sulle magliette!!).

A questo giro Digg ha preso una posizione diversa ed ha deciso di andare fino in fondo, non rimuovendo gli articoli e dichiarando “Se dobbiamo perdere, almeno moriremo combattendo”.

Da una parte le lobby chiaramente non possono permettere la diffusione di un sistema per piratare i loro contenuti e proprietà intellettuali.

Dall’altra un serio rischio: POSSONO articoli, pagine, opinioni contenenti numeri e lettere (quale è la stringa in questione di 16 cifre esadecimali) essere censurati? Qual’è il limite tra proprietà intellettuale e diritto di stampa e di espressione?

In campo musicale si è stabilito un tetto massimo di battute per definire plagio un brano..che sia necessario un sistema simile in questi casi?

Sembra un problema stupido, ma è tutt’altro agli occhi degli utenti di internet. I NOSTRI diritti vengono calpestati in tutte le direzioni.

Partendo dai filtri presenti sulle adsl di Infostrada e Tele 2 (loro preferiscono chiamarla ottimizzazione della banda) che bloccano i traffico Peer 2 Peer, di dubbia legalità, e finendo nei motori di ricerca che in alcuni paesi Orientali sono obbligati a censurare dei risultati.

Ma vogliamo parlare dell’Italia? no dai..siamo al 79esimo posto per libertà di stampa…..(classifica dell’anno 2006 – fonte: http://www.freedomhouse.org)

Difendiamo INTERNET, LA LIBERTA’, LA STAMPA, LE NOSTRE IDEE. Il sistema chiuso nuoce gravemente alla NOSTRA MENTE.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: