Redshift su Fedora…i nostri occhi ringrazieranno


Sarà capitato a tutti voi pinguini di stare fino a tardi davanti al vostro pc e di sentire gli occhi stanchi o (peggio) lavorando col vostro portatile a letto, perdere del tutto il sonno. Questi disturbi sono legati alla secrezione di melatonina che diminuisce a causa della luce emessa dagli schermi dei nostri apparecchi tecnologici (siano essi computer, televisioni, cellulari) di fatto sfasando il bioritmo.

In nostro aiuto vengono dei software che possono migliorare (non di certo risolvere) la convivenza notturna con i nostri computer.

F.lux e Redshift.

F.lux è disponibile per Linux, Windows e Mac OS X

Redshift solo per Linux.

Vi dirò la verità: entrambi i software mi sono sembrati un pò troppo ubuntu-centrici per i miei gusti, nella pagina di F.lux dedicata a Linux si trovano istruzioni solo per ubuntu, il che l’ho trovato irritante. Lo sviluppatore di Redshift invece sembra più aperto, infatti non ha mancato di linkare i pacchetti per altre distribuzioni e di dare istruzioni per la compilazione dei sorgenti.

Il funzionamento in entrambi i software è uguale: al variare dell’orario modificano la temperatura del colore del nostro schermo, spostandola verso toni più caldi durante le ore notturne. Nel caso dei portatili, vi consiglio anche di abbassare manualmente la luminosità, dove possibile, usando gli appositi tasti fn.

Vediamo come compilare e provare Redshift, in attesa di vederlo nei repository ufficiali fedora (il pacchetto è in attesa di revisione).

Installiamo delle dipendenze necessarie alla compilazione di redshift

su -c 'yum install -y gcc libXrandr-devel wget make'

Scarichiamo l’ultimo rilascio disponibile (ad oggi la versione 1.5) da launchpad

wget http://launchpad.net/redshift/trunk/1.5/+download/redshift-1.5.tar.bz2

Decomprimiamo il pacchetto ed entriamo nella cartella

tar xvjf redshift-1.5.tar.bz2

cd redshift-1.5

Configuriamo la compilazione passando /usr come prefisso di installazione (il software è scritto per ubuntu e la variabile d’ambiente python è differente) come segnalato in questo bug report

./configure --prefix=/usr

Compiliamo ed installiamo

make

su -c 'make install'

Se tutto è andato bene, facciamo pulizia:

cd ..

rm -rf redshift-1.5

Adesso basterà recarsi su Sistema—>Preferenze–>Applicazioni d’avvio

Cercare Redshift e cliccare su Modifica.

Nel campo comando troveremo scritto gtk-redshift

Procuriamo la longitudine e latitudine della nostra posizione. Per farlo facilmente potete usare il servizio messo a disposizione da f.lux.

Quindi a gtk-redshift aggiungiamo: -l longitudine:latitudine

esempio per roma: gtk-redshift -l 41.89:12.48

Se vogliamo possiamo anche modificare manualmente la temperatura del colore usando il comando -t. Nel mio caso passo -t 6500:4000 . Di default Redshift usa per il giorno 5500 e 3700 per la notte, che per i miei gusti era poco confortevole.

gtk-redshift -l 41.89:12.48 -t 6500:4000

Se 3700 dovesse sembrarvi una temperatura troppo calda come nel mio caso, potete provare valori intorno a 4000 che potrebbero essere anche nel caso vostro ottimali.

Se non vogliamo l’iconcina sull’area di notifica, possiamo utilizzare la versione a linea di comando di redshift, scrivendo nel comando solo redshift -l …ecc

Adesso basterà uscire dal proprio account e rientrare ed il gioco sarà fatto :))

About these ads

7 Risposte

  1. interessante segnalazione! grazie!

  2. Ottima segnalazione!

    Installato l’RPM, vediamo per qualche giorno che effetto mi fa!

    Ciao!

  3. Dove hai preso l’RPM ? in assenza di pacchetti ufficiali, consiglio sempre di compilare da sorgenti…in fondo sono 2 comandi..

  4. In realtà avevo compilato i sorgenti, ma ho avuto qualche grana con python.

    Siccome ero in un momento di pigrizia bestiale, piuttosto che smanettare per risolverli mi sono scaricato l’src.rpm e mi sono compilato quello! :)

    In fondo sono due comandi anche per compilarsi ed installarsi l’rpm :)

    qui trovi gli .src.rpm

    http://kmilos.fedorapeople.org/

    e qui la review (in corso) sul pacchetto

    https://bugzilla.redhat.com/show_bug.cgi?id=604331

  5. Probabilmente hai avuto la mia stessa grana, ho specificato che bastava passare il prefix /usr per risolvere l’inghippo :D il problema era solo una variabile d’ambiente python..

    si si, quei link se guardi bene li ho dati anche io nell’articolo :)

  6. anche compilandolo specificando il prefix aveva sempre qualcosa da questionare su python…

    (alla prima l’avevo messo in /usr/local perchè preferisco per le cose che compilo io)

    comunque l’importante è che funzioni :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: